martedì , 24 ottobre 2017
Ultime Notizie:

FERRARI RENATA

ferrariFERRARI RENATA
Nata a Cannobio (VB) ,dopo gli studi ad indirizzo pedagogico si è dedicata all’apprendimento di molteplici tecniche pittoriche; nel 1985 si trasferisce in provincia di Torino, dove prosegue la sua ricerca sullo studio della figura umana ed entra in contatto con gli ambienti artistici della città.
Da diversi anni tiene Corsi di Pittura per bambini e ragazzi e collabora nei Laboratori Artistici delle Scuole Primarie . Espone dal 2005 alla Promotrice delle Belle Arti di Torino ed è socia del Circolo degli Artisti; ha all’attivo numerose partecipazioni a Mostre e Collettive ottenendo premi e riconoscimenti a Concorsi Nazionali ed Internazionali

Concorsi recenti:
2012
Premio della Critica “Ottobre Arte in Orbassano” – Orbassano (To)
Premio della Critica – II Biennale Internazionale Città di Lecce – Lecce
Premio Caravaggio 2012 “OverArt” – Trofeo alla Creatività – Palermo
1° Premio Torino ArtClub – 2° Rassegna d’Arte Contemporanea – Settimo Torinese (To)
Premio “Caravaggio” – OverArt – Palermo
2011
Merito Artistico ex aequo – 1° Premio “Colori in Concerto” dal Piemonte un Inno di Colore – Galleria d’Arte
Stomeo- Martano (Le)
“Omaggio a Larrio Ekson 2011” – 4° classificata Concorso Nazionale Jesoloarte –Jesolo
2° classificata Premio Città di Foglizzo – Foglizzo (To)
Merito Artistico Mostra Internazionale Italia Arte – Torino
Premio della Critica del giornale Il Corriere Dell’Arte “Adotta un Pittore” – Torino
2010
Attestato di Merito 10° Premio Nazionale Orta-Oleggio-Novara – Novara
Vincitrice della Seconda Edizione “Nel Castello” – Castell’Alfero (At)
Premio della Giuria Concorso Nazionale “ La Spadarina “ – Piacenza
Premio Nazionale “Angelo Brofferio” – Santhià (Vc)
2° classificata “Pennellate di Colore” – Teatro Concordia – Venaria Reale (To)
Merito Artistico Internazionale Italia Arte – Torino
3° classificata Premio Internazionale “TorinArte” – Torino
2009
Premio della Critica Concorso Nazionale “La Spadarina” – Piacenza
Merito Artistico Concorso Nazionale “I Colori Dell’Arte” – Torino
Segnalata al Premio Internazionale Italia Arte – Torino
Trofeo di Capodanno – Beinasco (To)
2008
Merito Artistico Premio Internazionale “Boè” – Palermo
3° classificata Premio Internazionale “Arte Città Amica”- Torino
2007
Segnalata al Premio Nazionale d’Arte Città di Alba – Alba (Cn)

Collettive e Personali :

2013
Spoleto International Art Fair 2013 – Spoleto
Antiche Scuderie – “L’Emozione sono Io” – Saluzzo (To)
Castello di Roddi – “Weekend Art 2013” – Roddi (Cn)
Galleria Artinvest – “L’Arte rende l’ignoto evidente” – Torino
Galleria D’Arte Quadrarte – “Profili d’Autore”- Settimo Torinese (To)
Promotrice delle Belle Arti – Torino
Area Ex – M.O.I. – “Libro Opera D’Arte 2013” – Torino
17° Edizione Valsusa Film Fest – Castello della Contessa Adelaide – Collettiva “Femminile/Plurale” – Susa (To)
Villa Morissolina – Museo Tattile –SENTIERO D’ARTE 2013 – Trarego Viggiona (Vb)
Mostra Circolo degli Artisti – Torino
2012
Fiera Internazionale – Milano Book Fair – Ottobre 2012 – Milano
Ottobre Arte – Orbassano (To) 2012
Circolo Eridano – “Donne Da Quadri” – Torino 2012
Sala Mostre Regione Piemonte – “Un Cuore D’Arte” – Torino
Chiesa di San Domenico – “Contemporary Art” – Alba(Cn)
Circolo Canottieri Caprera – “Artisti per lo Sport” – Torino
Promotrice delle Belle Arti – Torino
Palazzo Lomellini – Libertà espressive (diciotto artisti per una città) – Carmagnola (To)
Palazzo ArtInvest – “Al femminile – Oltre i confini” – Torino
Galleria d’Arte “ArteStudio Gallery “ – Torino
Galleria d’Arte “ ViviArteViva” – Torino
Lingotto Fiere – Fiera del Libro – “ Libro . Opera d’Arte “ – Galleria ViviArteViva – Torino
2° Biennale Internazionale di Arte Moderna e Contemporanea “Città di Lecce” – Lecce
Mostra Sociale di Primavera – Circolo Eridano – Torino
Casa Scozia – “Sentieri d’Arte” 2012 – Trarego Viggiona (Vb)
Torino Art Club – Multisala Petrarca – Settimo Torinese (To)
Galleria Unique – Fiera Art-Innsbruck – Innsbruck
ArtInvest Galleria Torre della Filanda – ArteCremona – Cremona
Biennale di Venezia – Padiglione Italia – Palazzo delle Esposizioni – Torino
Galleria Wikiarte – “Expo Bologna 2012” – Arte Fiera Bologna – Bologna
2011
150° Mostra Sociale – Circolo degli Artisti – Torino
Galleria d’Arte Stomeo – “Colori in Concerto-Dal Piemonte un Inno di Colore” – Lecce
Circolo Eridano – “Pennellate di storia del Circolo degli Artisti” – Torino
Centro Museale – “Biennale d’Arte in Ossola” – Villadossola (Vb)
Ricetto di San Mauro – “Figura..Ombra..Luce..” – Almese (To)
Giardini Reali – “ 150 Colori d’Italia” – Torino
Galleria Torre della Filanda – “Visions” – Rivoli (T0)
“Arte Forte” Fiera d’Arte Moderna e Contemporanea – Palazzetto dello Sport – Forte dei Marmi (Lu)
“Salento Silente” – Lecce
Villa Nigra -“Artemisia” – Miasino d’Orta (Vb)
JesoloArte – Palazzo del Turismo – Jesolo
Galleria D’Art Visual Gallery -“Borderline” – Menaggio (Como)
Artisti Europei a Cremona – Cremona
Mostra -“Artemisia 2011” – Piedimulera (Vb)
“Sentieri Dell’Arte” – Trarego Viggiona (Vb)
Villa Gualino – Torino
Circolo degli Artisti (Eridano) “ Adotta un pittore” – Torino
Promotrice delle Belle Arti – Torino
Galleria ViviArteViva “150 colori d’Italia” – Torino
Galleria Spazio San Giorgio “Il Bello delle Donne” – Bologna
Chiesa di San Sebastiano “Arte a Revigliasco” – Revigliasco Torinese – (To)
Multisala Petrarca “1°Rassegna d’Arte Contemporanea” – Settimo Torinese (To)
Galleria ViviArteViva “Segno D’Autore” – Torino
Galleria ArtGallery “ Il Cielo e …” – Torino
2010
Villa Gualino “Luci metropolitane. Arte come ricerca e sperimentazione” – Torino
Castello Dei Biandrate – Foglizzo (To)
Galleria LaborArt “50×50” – Piedimulera (Vb)
Salone Arengo Del Broletto – Novara
“ChangeArt” – Palazzo Ceriana Mayneri – Circolo Della Stampa – Torino
Seconda Edizione “ Nel Castello” – Castello dei Conti Amico-Castell’Alfero (At)
“Sei Artisti per Villar Dora” Centro Sociale – Villar Dora (To)
“VINARTE” Mostra d’Arte Contemporanea –Tagliolo Monferrato (Al)
A.C.I Gallery “Cinetele” – Torino
Galleria 9 Colonne “Movimento delle Segrete di Bocca” – Bologna
Galleria La Spadarina “Nel Cassetto dei Ricordi” – Piacenza
Mostra di Pittura Contemporanea – Santhià
Galleria ArtGallery “ Per Fare Figura “ – Torino
Galleria Calandra “Monocromatica” – Torino
Galleria ViviArteViva ”Libro:Opera D’Arte” – Torino
Teatro Concordia “Pennellate di Colore” – Venaria Reale (To)
Il Mulino – Piossasco (To)
Promotrice delle Belle Arti – Torino
Galleria LaborArt “Artemisia” – Piedimulera (Vb)
Villa Gualino – Torino
Galleria Calandra – Scuderie della Tesoriera – Torino
Scuderie della Tesoriera “TorinArte” – Torino
2009
Galleria Calandra “Il Doppio” – Torino
Festa Patronale – “Presenze nell’Arte” – Sant’Antonino di Susa – (To)
Sala delle Arti – Arte Offresi “Ascoltare L’Arte “ – Collegno (To)
Circolo Armida “ Aspettando Vancouver 2010 “ – Torino
Galleria LaborArt “10/20/30/40/50” – Piedimulera (Vb)
Scuderie della Tesoriera “Forme, Colori e Pensieri” – Torino
Galleria Calandra (Villa Amoretti) “Leggere un Libro , Leggere un Quadro” – Torino
Galleria Salotto Dell’Arte “Dalla Pelle al Cuore” – Torino
Villa Gualino – Torino
Galleria Salotto Dell’Arte “Incontro” – Torino
Promotrice delle Belle Arti – Torino
Chiesa di Santa Croce – Beinasco (To)
2008
AntArte “La Ragione della Luce “ – Avigliana (To)
Colore Amico “A Lume di Candela” – Avigliana (To)
Promotrice delle Belle Arti – Torino
Scuderie della Tesoriera – Torino
2007
Promotrice delle Belle Arti – Torino
Chiesa di San Domenico – Alba
Scuderie della Tesoriera – Torino
Venerdì D’Arte – Bruzolo (To)
2006
Rassegna Floro Vivaistica – Caselette (To)
Striscione NoTav – Venaus (To)
Promotrice delle Belle Arti – Torino
Teatro Magnetto “Rassegna di Danza” – Caselette (To)
Centro Sociale – Mostra NoTav – Villardora (To)
2005
Artisti in Vetrina – Villardora (To)
Ex-Municipio – Rivera di Almese (To)
Pittori in Piazza – Caselette (To)
Festa Patronale – S.Antonino (To)
Promotrice delle Belle Arti – Torino
Venerdì D’Arte – Villar Focchiardo (To)

Critiche e Recensioni:

Renata Ferrari è un’artista poliedrica che rivolge l’attenzione alla potenza del corpo umano, traslandolo in pose metafisiche che lo eleggono a sacro contenitore della bellezza. Il contrasto tra i pieni e i vuoti, tra zone d’ombra e zone di luce o tra i primi piani e sfondi indeterminati, la pongono, nel panorama dell’arte italiana, tra i maestri più significativi della contemporaneità. La sua esperienza nel campo dell’Arte e nella ricerca della figurazione, la elevano indiscutibilmente a sacerdotessa della sublime poetica dello sguardo. Attraverso un dettaglio, inteso come frammento di un tempo trascorso, penetra le remote regioni dello spirito e le configura in quel dato anatomico strutturato secondo le leggi dell’armonia. Da Michelangelo a Caravaggio, la lezione classica trova in lei un degno successore. (Pietro Panacci – Direttore del Corriere dell’Arte)

Figure umane anatomicamente perfette, corpi nudi in piedi e seduti , ritratti dal dorso al viso, luci morbide e discrete che cesellano le membra, grigi e bruni soffusi, cromie ardenti con abbondanza di porpora, vermiglio, cremisi, ocra rossa, azzurri e blu, che danno vita alla sensazione del flusso sanguigno arterioso e venoso : come non rimanere affascinati da una figurazione così ammaliante? La pittura di Renata Ferrari coinvolge direttamente lo spettatore, manifesta ed esalta il bello (kalòs) inteso come fine ultimo dei modelli figurativi classici ed ellenici, bellezza fortemente ricercata e desiderata nella cultura della società occidentale di ogni tempo. Per comprendere appieno l’esperienza estetica sperimentata, ritengo interessante citare La prova di Pigmalione del filosofo Guido Calogero : la paradossale nascosta possibilità di rendere vivente l’immagine rappresentata; narra il mito, infatti, che il famoso re di Cipro si innamorò di una statua da lui scolpita, tale fu la rispondenza dell’effige che gli dèi trasformarono la statua in carne ed ossa. Questo è un aspetto del magnetismo restituito dalle opere della Ferrari. ( Elena Piacentini – Corriere dell’Arte)

Renata Ferrari è un’artista dotata di un talento unico nel delineare figure sia femminili che maschili, catturando l’armonia dei contorni. Esse acquistano il sapore della modernità con una moderata sintesi dove il reale ha ancora una sua presenza ma è destinato a rarefarsi in un’atmosfera metafisica ed eterea dominata da una luce radente che attiene quasi più a una dimensione onirica.
Cosi all’apparente realismo delle sue immagini, si scopre il limite di una condizione esistenziale, che si compenetra nel feticismo dell’illusorietà, piuttosto che nell’autenticità dei valori di cui dovrebbe appropriarsi. Condizione limite comune all’epoca odierna, che l’artista Renata Ferrari evidenzia con lucidità d’analisi e perizia tecnica.
Ma soprattutto c’è in questi nudi raccolti, in queste figure, un grande equilibrio di forme e armoniosità nelle linee. Nelle opere si nota un’attenta indagine psicologica che converge nell’espressioni dalle quali si possono cogliere stati d’animo, solitudini, desideri, preoccupazioni, bisogni e invocazioni d’amore.
L’arte pittorica di Renata Ferrari è altresì caratterizzata da tocchi e da veli di colore, impressi con immediatezza sulle tele, che determinano movimenti cromatici e formali, compiture di luce e profondità di spazi e conferiscono alle raffigurazioni una dimensione quasi metafisica e surreale , dal tono incantato. (Dino Marasà)

“L’Artista ha da sempre mutuato l’interesse per la figura maschile e femminile, ponendo l’attenzione al disegno ed alla composizione che cura con zelo quasi accademico, pur conferendo ai soggetti i caratteri personali della sua individualità, massimamente nell’incidenza della luce, quasi sempre radente o laterale, onde ottenere non solo effetti plastici di modellazione costruttiva scultorea , ma anche suggestioni e atmosfere soavi e misteriose.”

“Il plasticismo accentuato dei nudi cede la prorompente sensualità dell’incarnato ad un’atmosfera di lirismo, a volte anche melanconico e commovente, come se l’Artista volesse rammentare agli spettatori che la bellezza e le grazie fisiche sono un aspetto breve e caduco dell’esistenza e che solo l’anima in esse contenuta è il magnifico valore che si proietta nell’armonia e nella perfezione dei corpi : una lezione di etica ed estetica mai sufficientemente ripetuta e compresa”. ( Dott. Enzo Papa- giornalista e critico d’arte)

“Innamorata della figurazione trasposta nell’immanenza antropomorfa della giovinezza, germoglio vitale di ogni creatura, Renata Ferrari accompagna ogni lavoro con profondo senso umanista, esorcizzando posture , sguardi, atteggiamenti, con rara abilità gestuale, a significare l’esatta psicologia del personaggio.
In tale direttrice, l’unico addendo di rimando epocale è il drappeggio della veste indossata, mentre l’affascinante nudità naturalistica diffonde l’autentica verità di una dedicazione d’amore lungamente corteggiata.
Incantatrice surreale di immagini nuove lumeggiate da un alone di esoterico mistero, figlia prescelta di un Infinito cielo trapunto di stelle comete, Renata Ferrari in simbiosi con i prediletti riflessi ambrati (accesi lampi azzurro smeraldo, iperboli rosso fuoco, auree terre), esalta le proprie sinfonie intimiste in cui la poesia onirica giunge dritta al cuore come un romantico dardo infiammato d’amore.
Donde l’emozione istantanea, sorprendente, inattesa, irripetibile, che ci ricongiunge all’immenso spazio della libertà del pensiero : un costume intellettuale che sa parlare l’idioma della preveggenza.
Per tutto questo, l’artista sa regalarci la rinascita onirica di una remota gioventù, conducendoci quasi per mano, a visitare quel suo Universo Espressivo, per ritrovare la nostra identità smarrita in un’epoca travagliata dall’inquietudine.
A nostro spassionato giudizio, ci troviamo innanzi ad un’Artista autentica, assai sicuramente nata con la pittura nel sangue ,impressa come sigillo indelebile che, con silente umiltà ma, con grande fermezza, è riuscita ad alimentare un’eccellente espressione d’Arte Contemporanea, degna di essere ammirata con grande riguardo.”(Aldo Albani – critico d’arte)

“La pittrice lavora molto sulla figura umana, sia maschile che femminile, che indaga con un tratto forte, potente, una pennellata sicura e rapidi ed energici tratti di colore.
Dei corpi effigiati si apprezzano soprattutto i fasci muscolari in tensione o rilassati, resi con grande esattezza. Tuttavia , Renata Ferrari non indaga il dettaglio, ma rende con precisione l’insieme: la specificità dell’anatomia è costruita da sapienti accostamenti cromatici. I colori sono legati liberamente tra loro e spesso prevale la bicromia.
Anche la luce riveste un ruolo importante: colpisce e dà concretezza plastica ai muscoli e ai rilievi del corpo umano, ma contribuisce anche -con il suo pulviscolo sottile- a mitigare la prorompente vitalità che promana dai personaggi”.(Dott.ssa Anna Brambati – giornalista )

“ Sicuramente l’artista Renata Ferrari è supportata da un talento innato nel realizzare le sue tele. Lo si ravvisa nelle sue figure ben proporzionate e dai cromatismi che conferiscono sostanza a tutto il reso pittorico. E’ spontaneo poi a questa raffinata tecnica, di una naturale propensione alle digressioni romantico – liriche consentendo così una fruizione appagante anche per l’anima.
Volutamente lo sfondo di ogni opera è carico di cromaticità per regalare un tocco di esclusività alla figurazione. In tal modo l’artista riesce a variare la narrazione pittorica, rendendola più accattivante e preziosa, intellettualmente esclusiva e dotata di accenti intimisti che non vanno mai sottovalutati.
L’arte di Renata Ferrari è completezza espressiva, quindi, e giustamente, merita l’apprezzamento del pubblico e della critica.” ( Dino Marasà – critico d’arte)

“La cura con la quale la Ferrari elabora le proprie figure maschili o femminili, induce l’osservatore a contemplare il senso anatomico profondamente radicato nella composizione filtrata dai tagli della luce che modella plasticamente lo spazio. Il lirismo marcato, la sottile sensualità delle forme ed il vuoto cosmico dettato dalle malinconiche pose, riportano ai Kouros e Kore degli antichi templi della Grecia arcaica, deprivati della loro fisicità ed innalzati a mistiche visioni.” ( da “Il Corriere dell’Arte” – Aprile 2011 )

“ Renata Ferrari è un’ottima pittrice, classica e tradizionale nella ricerca formale, ma modernissima nel linguaggio mai scontato della sua arte che assume quasi i connotati della scultura, tanto è vibrante, monumentale, plastica. Le sue opere sono da osservare da vicino e da lontano per apprezzarne la tecnica eccezionale, realizzate con piccoli tocchi di materia che uniti formano l’insieme e porre in evidenza la visuale del soggetto che sembra emergere dalla finzione alla realtà. Raffinata anche la resa del fondale, metafisico, astratto , senza riferimenti ad uno spazio che non sia solo mentale” (Guido Folco – giornalista, storico dell’arte , direttore della rivista “Italia Arte”)

“La Buona Pittura emerge dai lavori della pittrice piemontese Renata Ferrari, la quale, nel solco della tradizione figurativa, trova un suo spazio espressivo che si distingue per la sostanza della costruzione solida delle scene, la precisione della pennellata e la tavolozza ricca di suggestioni cromatiche che vanno a costruire una pittura dall’appeal neo-romantico, particolarmente evidente nel nudo di schiena dedicato al centocinquantenario dell’Unità d’Italia, assai prossimo ai nudi dell’Hayez.” ( da “La Cronaca “di Cremona -2011 . Tiziana Cordani giornalista e critico d’arte)

“Renata Ferrari propone figure sensuali, armoniche e plastiche, realizzate con una tecnica che va via,via perfezionando con l’uso di materiali vari (bitume, gesso, reticolati metallici, acrilici, gesso). L’effetto è sorprendente e casuale : le figure emergono dal fondo scuro alla maniera di Caravaggio, i colori aderiscono al supporto preparato in modo non uniforme, conferendo all’opera qualcosa di antico, quasi di affresco ritrovato.”
( da “EcoRisveglio” – 15 giugno 2011 . Danila Tassinari – giornalista e critico d’Arte)

Con la pittura di Renata Ferrari torniamo allo studio attento della figura umana. Non si tratta di uno studio volto solamente a mettere in mostra la perizia tecnica e la precisione dell’artista nel riprodurre sulla tela il corpo umano; bensì la ricerca di Renata si spinge più in profondità e vuole introdurci nel mondo interiore dei suoi personaggi, spesso colti in atteggiamento assorto.
I volti pensosi sono uniti mediante un collo ben tornito al corpo, che talora è raffigurato mentre compie un’azione, talaltra mentre è in un atteggiamento di riposo, morbidamente rilassato nella penombra.
In entrambi i casi, comunque, la figura umana è plasmata dalla luce che colpisce le membra vivificandole: la loro plasticità è confermata dal gioco chiaroscurale che esalta le sporgenze e fa rientrare con l’ombra le parti più convesse.
L’equilibrio compositivo, che è una caratteristica costante delle opere di Renata Ferrari, è reso anche attraverso le delicate tonalità cromatiche e i richiami di colore tra il soggetto e lo sfondo che lo ospita.
Consideriamo a tale proposito “Malinconia in Rosso”, dove una donna accovacciata su se stessa è parzialmente avvolta da un telo rosso acceso, lo stesso colore del drappo che si intravede in alto a sinistra. Si noti anche come sia proprio la luce a far emergere la figura dallo sfondo assai scuro e a dar vita al panneggio del telo, creando bellissime e realistiche alternanze di pieghe in ombra e parti illuminate, secondo l’insegnamento – appreso e interiorizzato – del Grande Maestro Caravaggio.
Per quanto riguarda gli aspetti tecnici, l’artista adopera una tecnica mista e varia:
in “Compagni di Gioco”, ad esempio, lo sfondo nero è dato dal bitume allungato con trementina; – in “Malinconia in Rosso”, invece, lo sfondo è creato con del gesso sul quale, in un secondo momento , vengono stesi i colori. Da qui l’effetto di piccoli crateri e di pittura non uniforme.
Abilità disegnativa, luce, colore, sfondo sono gli elementi che permettono all’artista di raffigurare i soggetti umani nella loro complessità e forza : un’energia a volte pronta a scattare e altre volte nello stato di quiete. ( Dott.ssa Anna Brambati – giornalista)

L’Arte di Renata Ferrari è plastica e monumentale, le sue figure maschili e femminili sono elaborate con così tanta cura, con un tratto così forte e con una pennellata talmente energica da far pensare ad un’opera scultorea. Della pittura ha però saputo impiegare al meglio gli accostamenti cromatici che creano il plasticismo dei nudi, e il gioco delle luci che concorrono a dare concretezza alle figure e nello stesso tempo le stemperano in un chiaro-scuro che regala loro un’esatta dimensione psicologica.
Provocanti ma mai volgari, affascinanti senza essere eccessivi, i nudi di Ferrari sembrano infatti essere immersi in un’aura di malinconia, come se la loro bellezza fosse un peso eccessivo da portare, quasi una qualità di cui non gloriarsi eccessivamente. (da “Luna Nuova” settembre 2011 . Gemma Bava – giornalista )

“ L’interesse di Renata Ferrari per l’anatomia umana e la passione che esprime per coglierne il senso della posa nello spazio, nel contrasto luministico, sino ad esaltarne i canoni proporzionali, la inducono ad esaltare connotati di profondità surreale. La plasticità ed il senso di potenza universale da essa rievocata, per mezzo di sfondi che isolano il soggetto nello spazio, esaltandolo dinamicamente, lo riportano in luce, dandogli carica vitale.” (“Corriere dell’Arte “- Andrea Domenico Taricco)

“La ricerca stilistica di Renata Ferrari è totalmente incentrata sulla figura umana. La pittrice pone grande attenzione al disegno e alla composizione, restituendo ai suoi soggetti connotazioni precise di carattere. Lo studio accurato della luce quasi sempre radente o laterale le consente di ottenere suggestivi effetti plastici, creando nel contempo un’atmosfera sospesa e misteriosa”. ( da “Effetto Arte” – gennaio / febbraio 2012. Enzo Minio)

“La bravura tecnica della pittrice si estrinseca ogni qualvolta vengono raffigurate donne che seguono linee e pose delineanti una forza espressiva e a tratti quasi tempestosa.
Il corpo è rappresentato seguendo delle vibrazioni cromatiche rassomiglianti ora ad onde derivanti forse da uno spazio irreale ora ad un insieme di lettere ideali formanti un alfabeto personale, comunicativo. La donna rappresentata in una posa precisa è in attesa di un cambiamento che solo lei può avvertire.( “Corriere dell’Arte- Silvia Ferrara)

“ Dalla sua pittura traspare una forza e una capacità di andare oltre la Forma precostituita, per andare oltre, per cogliere, attraverso giochi di luce, il senso interiore e prorompente espresso tramite una “sensualità ambrata”…..titolo di una sua opera…… (Prof. Gigliotti – critico d’Arte)

“ Per Renata Ferrari la figura umana, tratteggiata nella sua piena essenza, costituisce la trama di una narrazione tra realismo, sogno e simbolismo, riuscendo a realizzare sulla tela “opere scultoree” dove la luce determina un dialogo intimo, in sfumature ben calibrate, tra seduzione e forza interiore” (Pompea Vergaro – critico d’Arte)

Cataloghi e Riviste:
Catalogo “II Biennale Internazionale Di Arte Moderna e Contemporanea Città di Lecce 2012 – Ed. Arti Grafiche Favia (Modugno) Lecce 2012
Catalogo “Lo Stato Dell’Arte” a cura di Vittorio Sgarbi – INC 2012
Catalogo “Art Innsbruck “ – Edition 16 2012
Catalogo “Salentosilente” – L’officina delle parole – Ed.Centro Diffusione Arte 2011
Catalogo “Artisti Europei a Cremona” – Ed. Immagini (Cremona)
Catalogo “WeekendArt 2011 – Centro Arte Cultura “Studio13”- “WeekendArt 2013”
Catalogo “ Sentiero D’Arte 2011”- 2012” – 2013”
Catalogo “ Internazionale Italia Arte Villa Gualino” – Ed. Italia Arte 2011
Catalogo “150 Colori d’ Italia- 2011
Catalogo “Arte Laguna 2011
C.A.I. Censimento Artistico Italiano 2010 – Ed. Centro Diffusione Arte
Catalogo “VINARTE” 2010 – Ed. La Luna in Collina
Catalogo “L’Artista e l’emozione creativa “ – Ed. Arte e Cultura
Catalogo “Trofeo di Capodanno 2009“ -Ed. Spazio Arte
Catalogo “Promotrice delle Belle Arti” – ed. Autorinediti – anno 2005/06/07/08/09/10/11/12/13
Catalogo “La Spadarina” – “Un segno nel tempo”- 2009
Catalogo “I 100% Passaggi Olimpici” – Ed. Levrotto & Bella – Anno 2010
Catalogo “TorinArte” Ed. Spazio Arte – Anno 2010
Catalogo “Internazionale Italia Arte Villa Gualino” – Ed. Italia Arte 2010
Catalogo “ Mostra Nazionale di Pittura Contemporanea – SANTHIA’ – 2010
Catalogo “La Spadarina”-“Nel cassetto dei ricordi”- 2009
Avanguardie Artistiche 2010 – Centro Diffusione Arte Editore
Rivista “Boè” (marzo-aprile2008) – (novembre-dicembre2008) – (gennaio-febbraio2009) – (gennaio-febbraio 2010)
“Boè” Speciale Figurazione Ottobre-Novembre 2010 – (settembre-ottobre 2011) –
OverArt marzo/aprile 2012 – EA Editore
Giornali : “Luna Nuova” – “La Valsusa” – Corriere dell’Arte – Italia Arte – “La Cronaca”di Cremona – “EcoRisveglio” (Verbano-Cusio-Ossola)
“Torino Sette” (La Stampa) – Effetto Arte
La Stampa “Regione Piemonte” aprile 2012

Studio: Via Goletto 18 – 10040 Almese (To)
Cell: 347 7704189 – E-Mail : ferrari _renata@libero.it¬¬
www.ferrarirenata.it

Gallerie di riferimento
D’ArtVisual Gallery (Como) – ArtInvest Torre della Filanda (Rivoli-To) – Unique (Torino)

Un commento

  1. bellissimo …………………..una vero arte il disegno umano !!!!me li fai di mente o guardando lui o lei accadamicamente…………ciao

Inserisci un commento

Scroll To Top